Birra Steiger

BIRRA STEIGER

Risultati immagini per birra steiger

L’ estate è finalmente esplosa, ma che bello: sudore, zanzare e afa. Anche le ultime retroguardie, le più tenaci, del Generale Inverno, hanno gettato le armi e si sono date ad una fuga disordinata, le loro trincee sono diventate ormai buche vuote e il sole splende sovrano su i loro reticolati di filo spinato. Evviva, evviva! Peccato che però  il Generale Estate sembri essere tutt’altro che un liberatore, i vestiti si appiccicano alla pelle, la testa gira, i ventilatori sembrano dare ben poco sollievo dalla cappa di calore …

E allora? Beh, il maresciallo vino rosso è stato uno splendido alleato contro i brutali assalti del Generale Inverno, ma sembra impotente di fronte ai raggi incandescenti del Generale Estate, come resistere all’oppressione del nuovo  tiranno senza  che i nostri corpi perdano ogni residuo liquido fino a diventare pelle  secca attorno a ruscelli di sudore? Ma con la birra, perbacco, con la birra!

Si, per fortuna la mefistofelica cava del Divin Birbante si è ben attrezzata per l’estate torrida e non dispone solo di vino, ma  anche di una spina che spilla della fresca e dissetante birra slovacca, la birra Steiger! E qua non si parla di una birra qualsiasi: il birrificio Steiger è il più antico della Slovacchia, esistente fin dal 1473, venne inizialmente edificato nei pressi di una miniera d’oro e dissetò le gole riarse dal lavoro duro di innumerevoli minatori Slovacchi. Durante l’occupazione nazista il  direttore della Steiger, Jaroslav Raiman, venne ucciso e anche parecchi lavoratori dell’azienda finirono vittime della repressione, forse ai nazi non andava giù che qualcuno placasse la sete dei minatori e li tenesse su di giri facendogli surrealisticamente trascendere la loro condizione di schiavitù salariata … questo comunque non ha arginato  quel fiume di birra che scorre ancora fino  ai giorni nostri!

Una birra Steiger bevuta alle cinque del pomeriggio non da alla testa (si tratta comunque di birra leggera, sui 4.5 – 5 gradi), però rinfresca l’ugola e provoca miraggi meridiani, e penso alla Slovacchia … ma non ci sono mai stato in Slovacchia, ostia, e allora penso alla mia vecchia fiamma slovacca, di cui sono stato innamorato per parecchio tempo e da cui non sono mai stato ricambiato, ho girato disperato per le strade con una bottiglia in mano, ho frantumato finestre, mi sono addormentato ubriaco con le lacrime agli occhi, mentre lei mi guardava crudele e indifferente come la Vanità nella canzone di De Andrè:”Gli disse amor, se mi vuoi bene, tagliati dai polsi le quattro vene!”

Ma non sono vendicativo ne’ meschino, e quindi spero che quella ragazza slovacca che non ho mai più visto stia bene dovunque sia e che le stelle continuino a cadere sui suoi capelli dorati,  brindo a lei con questa spumosa birra della sua patria, e mi preparo a lasciare questa brutta città soffocata dall’afa e ad attraversare di nuovo il mare in cerca di un altro amore, fosse anche a nuoto!

Piatto d’accompagnamento consigliato: Un bello spaghetto marino affogato in un sugo di molluschi, gamberi, vongole o cozze, mangiato su un balcone con una qualche illusione di aria fresca intorno, ci sta proprio bene dopo la birra … ma tenete anche un bel vino rosso a portata di mano, non si sa mai!

Disco d’accompagnamento consigliato: Visto che parliamo di birra slovacca buttatevi su un disco di vecchia psichedelia cecoslovacca, un disco acidissimo dei Plastic People of the Universe, Egon’s Bondy Happy Hearts Club Banned, un disco proibito e censurato,di quando la musica rock era ancora una potenza pericolosa che portava alla galera … Musicisti di tutto il mondo, tornate ad accordare i vostri strumenti per piegare le sbarre, e non biecamente per far soldi!

Film d’accompagnamento consigliato: Film? Noooo … Spegnete il televisore, possibilmente a calci, ascoltate l’infuriare del  temporale estivo e leggetevi Il Carro Magico di Joe R.Lansdale, una storia di pistoleri razzisti, negri vendicatori, stregoni indiani, scimpanzé da lotta e tempeste maledette, molto più appassionante di qualsiasi cosa potete pescare dalla squallida programmazione televisiva!

Lascia un commento